Il giudice dei ricorsi consente alle indagini di NY di legare la valuta stabile

Attualmente è in corso un’indagine sulla valuta stabile del Tether a seguito di una richiesta concessa da una corte d’appello all’ufficio del Procuratore Generale di New York.

Il Tether è sotto tiro

Questo rappresenta un grosso problema per lo sviluppatore di Tether Brock Pierce, uno dei cani più importanti nel mondo delle risorse digitali. Il 39enne ha recentemente annunciato il suo piano di candidarsi alla presidenza come indipendente (mancano solo quattro mesi alle elezioni) e sta aprendo la sua campagna elettorale con diverse promesse uniche, come una disoccupazione più veloce e controlli di stimolo e l’utilizzo della tecnologia per „aiutare gli altri“.

Non si può fare a meno di pensare che una cosa del genere creerà problemi alle sue aspirazioni politiche.

Al momento in cui scriviamo, non ci sono state accuse di frode o altre irregolarità. Tuttavia, una corte d’appello sta dando all’ufficio del Procuratore Generale di New York l’opportunità di esaminare diverse aziende che lavorano con la crittovaluta o che si sono impegnate a sostenerla.

Tether è stato presumibilmente costruito nel 2014. È la terza valuta crittografica più grande per limite di mercato dietro Immediate Edge (numero uno) ed Ethereum (numero due). Come moneta stabile, è presumibilmente sostenuta dal dollaro statunitense, anche se il suo status ha portato a pesanti controversie nel corso degli anni, con molti analisti che sostengono che sia stato usato per manipolare il prezzo del bitcoin nel 2017.

L’accusa è stata mossa dal professore di finanza John Griffin dell’Università del Texas, il quale sostiene che durante il periodo in questione, molti proprietari di Tether hanno usato le loro scorte per acquistare bitcoin ogni volta che mostrava accenni di attività ribassiste. Se la valuta è diminuita anche solo di un minimo margine, Tether è stato usato per acquistare unità BTC. Questo alla fine ha legato BTC al dollaro USA, che a sua volta può aver portato alla massiccia pompa che ha visto la valuta raggiungere il suo massimo storico di quasi 20 mila dollari al termine dell’anno.

Questo metodo di manipolazione ha avuto gravi conseguenze, tuttavia, dato che nel 2018 la crittovaluta primaria del mondo è scesa a nuovi minimi e ha perso oltre il 70% del suo valore dopo essere scesa a metà dei 3.000 dollari prima della festa del Ringraziamento.

Letitia James – il procuratore generale dello stato di New York – ha rilasciato una dichiarazione in cui spiega di essere soddisfatta della sentenza. Ha menzionato:

La decisione di oggi convalida la capacità del nostro ufficio di usare i suoi ampi e completi poteri investigativi per proteggere i newyorkesi. Nemmeno le valute virtuali sono al di sopra della legge. Siamo soddisfatti della decisione del tribunale e continueremo a proteggere gli interessi degli investitori sul mercato.

Uno sguardo più attento

Il giudice della corte d’appello che presiede il caso ha spiegato la decisione di permettere l’avanzamento delle indagini:

Gli intervistati sostengono che Tether non si qualifica come garanzia o merce, come tali termini sono definiti nella legge Martin, e che la corte d’appello non aveva quindi la competenza giurisdizionale su di essi. Non sono d’accordo.

admin

Related Posts